The Red Coil - 'Himalayan Demons'

The Red Coil - 'Himalayan Demons'

Esce oggi 22 giugno 2018 e si intitola “Himalayan Demons” il nuovo disco dei THE RED COIL, pubblicato per Argonauta Records.
Il disco, acquistabile al seguente link https://bit.ly/2liPe9h, si compone di 8 tracce ricche di energetiche vibrazioni e di un immancabile cantato growl, tipico della band formata dal cantante Marco Marinoni, i chitarristi Luca Colombo e Daniele Parini (guitar), Gelindo al basso e Bull alla batteria.
Il disco si apre con la drammatica 'Withdrawal Syndrome Wall' che fa sentire il gusto stoner e sludge che caratterizzerà anche le altre tracce, come la successiva 'Godforsaken' che diventa anche più aggressiva, puntando più sul suono che sulle parole. C'è del demoniaco sulle note di 'Oriental Lodge' e di 'Opium Smokers Room' e testi interessanti.
Altre importanti chicche presenti in questo ''Himalayan Demons'' portano i titoli di 'The Shroud', 'Moksha' e 'When The Levee Breaks' e l'esotica 'The Eyes of Kathmandu'.
 
La band dei The Red Coil ha messo nel suo nuovo album emozioni e sentimenti di vario genere prendendo  influenze come quelle provenienti dai Spiritual Beggars e dai Corrosion Of Conformity non tralasciando un un tocco di vibes NOLA/Southern Metal. In questa ricetta il groove si avvolge con riff psichedelici e melodicamente potenti.
Formatisi nel 2008, I THE RED COIL sono oggi una band fautrice di un sound potentissimo che raccoglie le migliori influenze delle correnti Stoner, Sludge e Doom.
Altre info: 
www.argonautarecords.com / www.facebook.com/theredcoil
 

Articoli correlati

Recensioni

Le influenze orientali-tr...

18/04/2019 | redazione

Ad x-factor ogni tanto qualcosa di nuovo appare, e i bowland hanno stregato la platea del talent-show in modo energico e originale. ma conosciamo meglio questo giovane tr...

Recensioni

Ludovico einaudi live al ...

15/04/2019 | redazione

Un'idea può sempre svilupparsi in diverse direzioni, se poi l'idea è musicale può tradursi in svariate possibilità frutto dell'intrecciarsi di note e di suoni proveni...

Recensioni

Nightguide recensisce dig...

01/04/2019 | iltaccuinopress

Gli ingredienti giusti e ben misurati sono già racchiusi nel nome stesso della band.   gli electronic blues foundation con “digital bluesman” sono riusciti a tira...

2445150 foto scattate

16213032 messaggi scambiati

835 utenti online

1329 visitatori online