Filippo Gatti - “La testa e il cuore”

Filippo Gatti - “La testa e il cuore”

Uscito il 15 dicembre scorso con Lapidarie Incisioni e distribuito da Goodfellas, “La testa e il cuore” è il titolo del nuovo disco di inediti di Filippo Gatti, cantautore romano, leader e fondatore degli Elettrojoyce e da 15 anni attivo come solista, oltre che come produttore artistico, tra gli altri, di musicisti come Bobo Rondelli e Riccardo Sinigallia. Dieci canzoni in cui la voce accogliente di Gatti racconta gli episodi di un viaggio immaginario ispirato al racconto epico di Ulisse. Un viaggio che al proprio termine incontra la propria casa, con tutto quello che comporta: la capacità di riconoscere il valore delle persone, il “fare buona musica”, il desiderio di “stare meglio”, imparare ad ascoltare in silenzio.
 
La voce e le parole si adagiano tra architetture di elettronica minimale e canzone acustica, come a realizzare una sintesi, sia stilistica che emotiva, tra la sperimentazione dell'album “Tutto sta per cambiare” (2003) e la dimensione folk-rock de “Il pilota e la cameriera” (2012).
“La testa e il cuore” è il risultato di un'intensa settimana di lavoro in studio di e interpretazione dei brani insieme ai due produttori polistrumentisti, Matteo D'Incà e Francesco Gatti, al pianista e arrangiatore Fabio Marchiori, al violinista Steve Lunardi e aòla giovanissima cantautrice Virginia Tepatti, ai cori.
 
L'ispirazione per questo disco viene da dischi che hanno segnato un solco profondo nella storia della musica italiana (primi tra tutti Com'è profondo il mare di Lucio Dalla e L'Era del cinghiale bianco di Franco Battiato), La testa e il cuore è costruito come qualcosa in più rispetto ad una raccolta di canzoni. Ogni brano rappresenta un mondo a sé e la sequenza dell'album è pensata per creare l'effetto di un viaggio, poetico e cinematografico. Quella che si è voluta creare è un'efficace sinergia artistica tra una piccola e frizzante etichetta discografica, Lapidarie Incisioni, del collega Lucio Leoni, artista e cantautore, e SONY/EMI PUBLISHING - NONSENSE EDIZIONI, rappresentati da Roberto Trinci e Riccardo Sinigallia, amici di lunga data di Filippo e grandi professionisti.
 
Ad aprire il disco è “Gli accordi di Leonardo'', realizzato con Matteo D'Incà, e per il quale è stato girato anche un videoclip realizzato da Jon Roseman, pioniere dell'arte del video musicale. Segue “Il re di Lampedusa'', scritta al tempo di uno dei primi grande incidenti in mare riportato dai media, dove morirono più di trecento migranti, circa quattro anni fa. Filippo Gatti ha dichiarato di aver scritto “Amore perdonami“ un modo per chiedere scusa alla propria moglie di tutto il tempo perso negli anni ad inseguire la canzone perfetta.
 
Il piccolo intermezzo musicale 2 animali” è dedicato alla parte migliore di noi, quella che gli animali tentano di insegnarci ogni giorno. Invano. È un esperimento che miscela due tempi ritmici opposti usati nell'album. Il 3/4 e il 4/4; invece bellissimo è il testo di “I tuoi si sono scale al buio”, scritta pensando a John Martyn.
Il Maestro e Margherita” è un brano pop progressive che inventa un diavolo simpatico, capace di metterci in guardia dal lavaggio del cervello mediatico mentre “Da soli non si può stare” è una riflessione sul rapporto sentimentale, che sia convenienza o che sia amore. L'ispirazione musicale deriva da John Coltrane e dai Roxy Music.
Il romanticismo di cui è pregno “Le Sirene e le Stelle“ la rende sintesi di anni di vita. E lo fa, per molti versi, in forma di brano speculare al “Re di Lampedusa”, essendo anch'essa canzone di viaggio.
Registrata a Dublino, Epifania in un mercato di Dublino” precede “uh! La rivoluzione” che secondo Filippo Gatti mette insieme stimoli arrivati da Arianna Gaudio, Marco Casiglieri, Steve Lunardi e Matteo D'Incà.
Con questo brano si riconferma il senso del titolo stesso di questo lavoro: Gatti è un cantautore sopraffino, ben in grado di deliziare il proprio pubblico con brani inediti che contengono a tutti gli effetti “La testa e il cuore”.
 
 

filippo gatti, lapidarie incisioni, “la testa e il cuore”

Articoli correlati

Recensioni

The faccions - misano brasile

18/04/2018 | leslie-fadlon

''misano brasile'' dei the faccions è un bel disco strumentale registrato negli ultimi due anni ed uscito in collaborazione con l'etichetta i dischi di plastica: è un v...

Recensioni

Rival consoles - persona

13/04/2018 | leslie-fadlon

Esce oggi 13 aprile su etichetta erased tapes, “persona”, il nuovo album del produttore inglese ryan lee west aka rival consoles.   questo lavoro giunge dopo il succ...

Recensioni

Myles kennedy ai magazzini generali: un ...

06/04/2018 | valentina-ceccatelli

doveva essere un concerto per pochi intimi e si è trasformato in una bomba da sold out ma, da un punto di vista psicologico, è stato proprio quello: un concerto per m...

2445150 foto scattate

15777737 messaggi scambiati

1170 utenti online

1864 visitatori online