mikele racconta "Dalla Culla", il suo esordio discografico

mikele racconta "Dalla Culla", il suo esordio discografico

"Dalla Culla” è il singolo che segna il debutto discografico di mikele, giovane pronto a imporsi come una delle più fresche e interessanti realtà del Crossover della nuova generazione. Un sound europeo che unisce e mixa diversi generi musicali soltanto in apparenza lontani, amalgamandoli a lingue diverse, frutto dei suoi studi e delle sue esperienze.
 
Ciao mikele. Vuoi iniziare a raccontarci come ti sei avvicinato alla musica e quali sono stati i tuoi primi ascolti? 
Mi sono avvicinato alla musica con il pianoforte a quattro anni. Non ho mai smesso fino a quando ho finito i pre-accademici del Conservatorio, momento in cui ho preso in mano la chitarra. I miei primi amori sono i Muse, i Red Hot Chili Peppers, Michael Jackson, 50 Cent e nel panorama italiano Tiziano Ferro. 
Anche se la situazione sta via via migliorando come ci si sente a cantare e a pubblicare canzoni in tempo di Covid? 
Cantare ha tenuto accesa la fiamma dentro di me durante il covid, quando suono evado dai muri che ho attorno. Pubblicare musica seriamente è un privilegio. Ho sputato sangue e investito molto su questo singolo emotivamente e tecnicamente. Molti hanno le idee per i pezzi ma non i mezzi per realizzarli. Io ho sempre avuto la fortuna di avere uno studio a disposizione. 
Parlaci di “Dalla Culla”, il singolo con cui hai scelto di debuttare... Quali sono le battaglie, i messaggi e i valori che senti di rappresentare per i tuoi coetanei e in che modo pensi che la musica possa occuparsene? 
Siamo una generazione tormentata, ma che lo nasconde. Con "Dalla Culla" ho affrontato tematiche rilevanti come la salute mentale e la morte che in Italia sono ancora argomenti di nicchia. Voglio mostrare alle persone che mi ascoltano che parlare ed esprimere le proprie preoccupazioni, invece di reprimere tutto dentro di noi, è un segno di forza. Nel mio brano parlo della mia perdizione legata alla morte di persone vicino a me. Chissà come starei adesso se non avessi scritto questa canzone. 
Hai dei live in programma per il periodo invernale? 
Ci stiamo lavorando. Vi invito a tenere sott'occhio la mia pagina IG. 
 

Articoli correlati

Interviste

Intervista ad Egiuann e Daze: tutta la musica di Ed Music Recordings (Jaywork Music Group)

25/01/2022 | lorenzotiezzi

    abbiamo fatto quattro chiacchiere con i responsabili di ed music recordings, sub-label del gruppo jaywork che è appena nata, nel 2021. Quella che segue è la ...

Interviste

Intervista a Michele Zoppardo autore de “La mattanza di Castelnormanno”

20/01/2022 | Bookpress

Michele zoppardo è nato a palermo; commissario della polizia di stato in pensione, da oltre quarant'anni vive in toscana. Ha esordito nel 2018 con il romanzo “elisa ma...

Interviste

Parla EmaErrE, in uscita con l'album "Take me Over" (Jaywork Music Group)

20/01/2022 | lorenzotiezzi

  venerdì 21 gennaio esce su tutti i siti musicali di riferimento su jaywork music group "take me over", l'album di emaerre. Abbiamo incontrato l'artista per farci r...

424040 utenti registrati

16979669 messaggi scambiati

11430 utenti online

18208 visitatori online